alimentazione,  nutrizione

Cominciamo dalla colazione

Il primo pasto della giornata viene spesso sottovalutato o addirittura saltato del tutto.
Colpa della fretta, della sveglia rimandata troppe volte, dello stomaco chiuso quando si è svegli da poco. Eppure questa mancanza può costarci spiacevoli conseguenze: non c’è da stupirsi se ci capita di sentirci spenti nella prima parte della giornata o se arriviamo all’ora di pranzo con un appetito vorace, che ci fa cedere a un pasto qualsiasi, magari in fretta…magari in piedi!

La colazione dovrebbe corrispondere a circa il 20% dell’energia giornaliera introdotta e dovrebbe essere composta da alimenti sani ed equilibrati: una fonte di proteine e una di carboidrati, unita ad una porzione di frutta.
Come fonte di proteine sono valide scelte il latte vaccino scremato o parzialmente scremato, yogurt bianco (meglio se con pochi zuccheri aggiunti), oppure bevande vegetali, come latte di soya o di avena.
A questo va unita una fonte di carboidrati, ossia biscotti secchi, cereali preferibilmente integrali, fette biscottate o pane, meglio se integrali.
Ricordate la frutta fresca, da alternare a una marmellata senza zucchero, se preferite.

“Solo un caffè” non vale come colazione! Non basta a darci la sensazione di pienezza e a ritardare così il senso di fame.

Per variare la vostra alimentazione, potreste sperimentare una colazione salata: ricotta, caprino, salmone affumicato, su fette di pane integrale di segale tostato, da accompagnare con frutta di stagione o una spremuta d’arancia.
Tè e caffè o caffelatte sono buonissimi anche senza zucchero, basta trovare quello più adatto a noi!

Dedicarci questo momento, da soli o in famiglia, nella consapevolezza di fare qualcosa di buono per il nostro corpo, è una scelta che può accrescere facilmente il nostro livello di tranquillità. Tenere sul tavolo un foglio e una penna può inoltre aiutarci a fare ordine mentale: prendiamoci qualche minuto in più per raccogliere le idee e i buoni propositi per la giornata che ci aspetta, mentre mangiamo qualcosa. Scrivere ci aiuta ad accendere la mente senza fretta. Scrivere cosa? Obiettivi della giornata e|o della settimana, promemoria, un sogno che abbiamo fatto, una voglia particolare, un messaggio per qualcuno a cui vogliamo bene (che potete condividere se e quando volete), ma anche uno sfogo di rabbia o nervosismo, pe far sì che non ci segua ancora per molto.
Iniziare con lo spirito giusto ci pone nella condizione di assorbire più facilmente il positivo intorno a noi e di creare una barriera un po’ più spessa contro i problemi.
Davanti a una giornata fatta di scadenze e orari, non possiamo partire con l’affanno.

E voi, ci raccontate la vostra colazione e la vostra routine del mattino?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *